Sei una lesbica e vuoi rimorchiare? Quale arte seduttiva devi mettere in atto per fare colpo su di lei quando ti trovi al bar? L’arte della seduzione “saffica” comprende tutti i comportamenti che, quando messi in atto, ti consentono di avvicinare la donna a cui si è interessate, specie se ti trova da sola al bancone del bar e poter quindi realizzare un incontro interessante (qui trovi i nostri consigli per gli incontri lesbo).

Spesso si cade nell’erronea convinzione che alle donne interessino solo i soldi e/o il sesso. Come fare per “rimorchiarla”? Come sedurla efficacemente? Come combattere le nostre paure? Questa guida raccoglie tutte le tattiche seduttive ed i consigli dell’Esperta.

Sedurre una lesbica al bar: consigli e tecniche di seduzione

Le lesbiche, come ogni altra donna, non sono tutte uguali ed è errato pensare che sono inavvicinabili: “è troppo sexy, è troppo bella per me, è troppo intelligente, si merita di meglio, etc. etc.”. Sono tutti pensieri che possono sorgere e “attraversare” la nostra mente ogni qual volta la vediamo al bancone del bar a sorseggiare il suo drink.

I pensieri ci assalgono e ci portano a desistere dal conoscerla e dall’iniziare a corteggiarla. In questo primo step, si deve assumere un comportamento corretto, prima di passare alla tecnica di seduzione “saffica” da mettere in atto per conquistarla. Se si dimostra di essere la partner di cui lei ha bisogno, le possibilità di successo aumentano vertiginosamente.

  1. Ansia d’approccio: come eliminare la paura di essere rifiutate?

Paura di essere rifiutate? Perché mai ci dovrebbe rifiutare? Avere paura di approcciare una lesbica al bar è un problema che caratterizza la maggior parte dei soggetti appartenenti alla comunità LGBT: diversi studi hanno validato la tesi che le persone omosessuali e lesbiche sono molto più sensibili e nutrono più timori di essere rifiutati rispetto agli eterosessuali.

Si tratta di un “blocco” di natura psico-comportamentale che colpisce “quando non si è più in grado di gestire corpo e mente: tutto quello che si compie sembra sbagliato, […] nel cervello si affollano mille pensieri”.

Tuttavia, alla paura del rifiuto si può porre rimedio: come fare? Conviene affrontarla fin da subito: non ci si deve mai preoccupare di fare “brutte” figure con gli altri, sono all’ordine del giorno!

Tutti gli psicoterapeuti sono concordi sul fatto che occorre avere la giusta consapevolezza che tutto può essere risolto semplicemente e, in questo caso, è bene saper dominare le proprie emozioni e saper gestire lo stress e i conflitti interiori. Come superare l’ansia da approccio? Ecco le strategie più efficaci:

  • iscriversi ad un corso di teatro o di recitazione: ciò aiuta a cambiare l’atteggiamento mentale e a recuperare la propria autostima, oltre alla possibilità di socializzare con gli altri e di superare la paura di approcciare una lesbica, in qualunque luogo in cui la si voglia incontrare e conoscere.
  • curare i disturbi di autostima rivolgendosi ad uno specialista di psicoterapia che ci aiuti ad acquisire una maggiore padronanza e sicurezza. Grazie ad un approccio multidimensionale, che non si basa solo sull’acquisizione di nozioni teoriche, è possibile dare ampio rilievo alla parte pratica esperienziale, acquisire una maggiore sicurezza personale e ad una maggiore padronanza delle potenzialità del proprio corpo.
  1. Imparare il linguaggio del corpo per sedurla

Una volta recuperata la propria autostima e, superata l’ansia da approccio, è necessario imparare a comunicare con il proprio corpo: si tratta di una forma di linguaggio non verbale.

Movenze, sguardi, variazioni di postura, espressioni facciali consentono di comunicare il proprio modo d’essere e di acquisire sicurezza, disinvoltura e di renderci più intraprendenti nell’instaurare una relazione sentimentale con la lesbica seduta al bar.

Gli psicoterapeuti ritengono che i gesti sono “potenti segnali d’attrazione” e decretano il successo dell’arte seduttiva saffica.

Provare per credere! Accarezzarsi i capelli, passare la mano su zone erogene (sul seno), manipolare più o meno allusivamente oggetti propri, giocare con la collana, massaggiarsi l’orecchio, toccare il partner per un tempo superiore a tre secondi, mordicchiarsi il labbro inferiore, guardare l’altra persona a lungo sono le migliori tecniche per conquistarla.

  1. Prestare attenzione all’outfit

Per conquistare una lesbica al bar è importante prestare la massima attenzione al look e all’outfit: cosa preferire? Mai abiti succinti o troppo sexy (ad eccezione delle lipstick lesbians), mai troppo aderenti e mai eccedere con il trucco e con i tacchi a spillo.

Per conquistarla è buon suggerimento essere sé stesse e preferire mise semplici, romantiche e poco appariscenti. Tailleur con giacca e pantalone color cipria o color nero con sandalo gioiello senza plateau e pochette in raso con intarsi di diamante: ecco il look perfetto della lesbica che vuole sedurre puntando sulla sua eleganza, fascino e romanticismo.

Il make up deve essere naturale: gloss color carne con contorno labbra marrone bruciato, matita nera agli occhi, ombretto color naturale (quasi invisibile), terra color cioccolato per i carnati abbronzati o cipria effetto “nude” per le pelli chiare.

Per le lesbiche meno femminili, per i “maschiacci”, è buon suggerimento optare per un look da dandy: giacca taglio maschile con pantalone abbinato in fresco di lana o in tessuto tecnico (colore grigio, blu o nero), camicia bianca o avorio sotto la giacca, cravattino e mocassino o scarpe stringate. Trucco? Fondotinta effetto “nude”, blush color beige, un leggero velo di cipria, un filo di matita nera e labbra con burro cacao (chapstick lesbian).

  1. Topic di cui parlare

Quali sono gli argomenti di cui parlare con la potenziale lei con cui vogliamo instaurare un rapporto sentimentale saffico? Tra donne non si può sbagliare! Gli argomenti di cui parlare e “sparlare” sono davvero innumerevoli: cronaca, moda, cucina, affari, motori, etc. etc. Tutto dipende dalla tipologia di lesbiche (chapstick, butch, lipstick, etc.), ma il migliore consiglio è quello di evitare argomenti troppo personali e “intimi”, meglio rimanere neutri e mai essere troppo invadenti.

Mai essere egocentriche e lasciare parlare la partner con naturalezza: se siete timide, forse, è il caso di scegliere un bar con della musica e dove gustare piatti freddi e cibo gourmet. La location scelta dalla coppia di lesbiche stimola molto la conversazione, incide sul divertimento e sul buon esito della serata.

  1. Rapport: come comportarsi in questa fase?

Se la lesbica è attratta dalla partner, allora è il momento di “condurre il gioco” e fare un “Rapport”. Che significa? Con questo termine si indica il momento seduttivo in cui la comunicazione si fa più profonda e più intima: è il giusto attimo in cui si può porle domande più personali e raccogliere più informazioni possibili sul suo profilo psico-comportamentale.

Questa fase è la più importante per conoscerla meglio e per capire se effettivamente ci può essere una compatibilità ed affinità sentimentale.

  1. Quando baciarla?

Ecco il momento tanto atteso della serata: una volta uscite dal bar si prosegue la serata in intimità e lontano dagli sguardi “indiscreti”. Meglio preferire una location più “intima” per ricercare un contatto fisico, un modo di comunicare più inconscio rispetto alla comunicazione verbale.

Si tratta di un istinto, un’azione innata che porta ogni lesbica a ricercare il primo bacio saffico: se lei si trova a suo agio vicino alla partner, la scintilla d’amore scatta e la passione “travolge” la coppia di lesbiche.

Mettere in atto queste tecniche seduttive saffiche aiuta ogni donna a conquistare la propria partner ideale.